domenica 1 agosto 2010




Egregio Amico/a,
negli ultimi anni del XX° secolo si è assistito al manifestarsi di un interesse sempre crescente nei confronti del fenomeno delle arti marziali, dai mass-media al cinema.
Ma alle necessità da parte dei praticanti di queste discipline di approfondire quel retroterra culturale, storico e filosofico da cui le arti marziali provengono e che ne è parte integrante, molti hanno preferito approfondire solo argomenti tecnici specifici, tralasciando questa prospettiva davvero generale e sopra le parti da cui iniziare, nella quale poter inquadrare il maggior numero possibile di sistemi, metodi, scuole e correnti.
Fingersi brilli per poter difendersi e attaccare in modo imprevedibile: è lo stile dell'ubriaco.
Imitare il modo di combattere degli animali.
Se si è attaccati da più nemici, si adotta lo stile delle otto direzioni, con pugni, spazzate e calci volanti.
E numerosi altri stili esterni e interni.
Come si fa a deviare una forza esercitata contro di noi ?
Come si attua il pugilato della mente ?
Come si combatte abolendo il pugno ma adoperando il palmo aperto della mano ? Come si utilizza in combattimento la forza centrifuga a nostro vantaggio ?
Le arti marziali sono parte integrante d'un sapere antico, ma che sa ancora parlare agli uomini d'oggi. Questa tesi non vuole essere agitata ideologicamente, per giudicare senza conoscere. Anzi si parte proprio da un'attenta considerazione degli aspetti tecnici delle arti marziali, da quella meno nota, alla più conosciuta.
Dall'India all'estremo Oriente percorriamo la Via delle arti marziali, offrendo insieme il mezzo per entrare in intimità con le forze naturali, le stesse energie della vita e della morte, del corpo e della psiche vissuti come unità.
E questo per imparare a conoscere e controllare di tutti l'avversario più duro: se stessi.
L'Associazione che presentiamo con il presente è nata insieme ad amici e colleghi d'arte, con l'impegno di trasmettere un bagaglio di esperienze e di passione che è andato crescendo e raffinandosi in anni di pratica, di sacrifici, di studio e ricerca.
Vuole essere utile quindi al praticante profano, che inizia da qui il suo cammino verso la comprensione del fenomeno delle arti del combattimento.
Anche un viaggio di mille miglia inizia con un passo,
il nostro passo, adesso è compiuto.
Il contatto con la nostra associazione è consigliabile a chi nutre un sincero interesse e si sente di recepire il nostro messaggio evitandoci inutili sforzi divulgativi.