lunedì 14 marzo 2011

Le armi del kung fu




Le armi del Kung Fu hanno una storia antica quanto i vari stili che le utilizzano. L'uso e sviluppo delle armi nel Kung Fu si è diversificato con la data e la località in cui ogni arma è nata e fiorita.
I praticanti delle province cinesi del nord hanno utilizzato e sviluppato nel corso dei secoli armi differenti dai praticanti del sud e anche se tutte le armi originali sono nate e progettate per scopi bellici, con gli anni l'uso degli armamenti si è ampliato ed è stato utilizzato per lo sviluppo della resistenza nei polsi, la coordinazione occhio-mano e la sincronizzazione ed il controllo.
Quando si parla delle armi del kung fu il pensiero corre sicuramente a Bruce Lee ed alla sua sequenza con i nunchaku; le armi cinesi invece hanno altre caratteristiche ed un’ottica diversa, i cinesi per secoli sono stati un popolo contadino e le armi non sono mai state ben viste e quindi sono state utilizzate prevalentemente dai nobili, dall’esercito e dalla polizia. Forse tutto ciò ha generato l'esigenza di difendersi promuovendo l’uso degli attrezzi agricoli come armi per la difesa dei propri beni e della propria persona. Il popolo teneva le armi nascoste, sempre pronte a essere usate all'occorrenza.
Le armi cinesi non sono state quasi mai prodotte con una bellezza ricercata, sono poche quelle che possono essere paragonate per fattura alle Katane giapponesi, la caratteristica che le contraddistingue è stata casomai l’estrema varietà e la personalizzazione nelle forme e dimensioni, ogni classe sociale aveva le sue armi, il contadino la falce o il rastrello, il boscaiolo l’ascia, il pescatore il remo, il mendicante il bastone, il monaco buddista aveva una sorta di vanga (usata per seppellire i morti) o il Vajra (“in sanscrito “fulmine“) un piccolo scettro metallico usato per le funzioni religiose.
Le armi cinesi spesso erano fatte al momento a volte modificando gli attrezzi da lavoro affinché non venissero considerate armi proprie.
La vita in Cina era molto pericolosa e i contadini, per esempio, non dovevano organizzare difese soltanto contro gli animali feroci che distruggevano i raccolti ma anche contro le scorrerie di bande di briganti che li derubavano ed ancora, in certe epoche storiche, dovettero imparare a difendersi dai soprusi degli stessi soldati imperiali.
Chi viaggiava da un villaggio all'altro doveva necessariamente essere armato. Ogni ceto sociale, ogni popolazione aveva la sua arma o usava il proprio attrezzo da lavoro in caso di necessità ed era buona cosa che chiunque si adoperasse molto per padroneggiarlo al meglio.
La spada era l’arma dei nobili e dei letterati. Queste considerazioni permettono di evidenziare che il concetto di combattimento “leale” che proviene dall’asia è stato in gran parte frainteso, i combattimenti non erano coreografati come oggi siamo abituati a vedere, ma erano delle vere e proprie esplosioni di violenza, se ci doveva essere il combattimento, l’importante era rimanere in vita, con qualsiasi mezzo possibile e tanto più l’arma era “efficace”, nel senso offensivo della strategia, meglio era, basti pensare alle spade uncinate, che sono in grado di ferire da quasi tutte le angolazioni in cui entrano in contatto con il nemico.
Al giorno d'oggi le armi nel Kung Fu possono apparire fuori luogo e tempo, rispolverate dalla storia, più legate alla tradizione cinematografica che non alla vita attuale.
Verrebbe da pensare che oggi le armi tradizionali cinesi non possano avere alcun riscontro concreto di fronte alle situazioni di vita attuale.
In realtà oggi le armi si continuano a studiare e ad amare perché attirano con quella particolare energia che gli appartiene, per quella vibrazione che non sfugge alla sensibilità del guerriero oggi come nel passato. Un'arma ti chiede di dargli vita con i tuoi movimenti, in cambio lei ti darà la sua anima.
Un significato molto profondo nell'allenamento con le Armi Tradizionali è celato nella ricerca dello scorrere, lungo i Canali o "Meridiani" del nostro corpo, dell'energia dell'arma fintanto che non permea nel nostro Qi per poi essere estrinsecata al di fuori al fine di sentire l'arma come una proiezione del corpo stesso, non più come un oggetto esterno da portare addosso.
Vi sono quattro Armi considerate le principali delle Arti Marziali cinesi: la spada, simbolo dello spirito del guerriero; la sciabola, simbolo della forza; il bastone, la madre di tutte le Armi; la lancia, la regina delle armi guerriere.
Nel Kung Fu le armi vengono classificate secondo diverse categorie tra cui le più caratteristiche sono:
Armi Yang: armi proprie, cioè nate come tali (come l'alabarda, la lancia e la spada).
Armi Yin: armi improprie, cioè attrezzi da lavoro in seguito trasformati in armi.
Un'altra classificazione divide le armi in: armi maschili, quelle che più si addicono all'uomo come ad esempio il Guan Dao, e le armi femminili, quelle che più si addicono alla donna come la Kim, Dan Bian e Shan.

OGNI ARMA HA IL SUO PERCHE'
Ogni variazione di forma o di lavorazione, ogni particolare, ogni accessorio ha un motivo pratico legato all'uso al fine di rendere l'arma più vicina alle esigenze belliche. Ovviamente alcune variazioni possono essere anche legate esclusivamente all'estetica ma quando un'arma viene ridisegnata o completamente modificata il motivo risiede senza dubbio in un adattamento ai vari fattori principali: costituzione fisica del guerriero, caratteristeche ambientali e strategia marziale.

COSTITUZIONE FISICA
Uno dei principali aspetti che maggiormente venivano presi in considerazione dai guerrieri per la scelta della propria arma principale era senza dubbio la corporatura. Guerrieri alti e forti come ad esempio i Mongoli prediligevano armi lunghe e pesanti come ad esempio la "grande sciabola, (Tadao)" o l' "Alabarda (Guandao)". Armi di questo tipo, in mano a combattenti in grado di maneggiarle avevano un potere distruttivo altissimo ma richiedevano chiaramente molta forza.
Guerrieri alti ma longilinei e non particolarmente dotati di forza preferivano armi lunghe ma leggere come ad esempio la "Lancia (Qiang)".
I guerrieri non alti ma molto robusti sfruttavano al massimo il potenziale di armi corte e pesanti come ad esempio le "Sciabole (dandao)" o i "Martelli (Chui)" mentre guerrieri bassi e snelli senza particolari doti di forza preferivano armi leggere e veloci, spesso doppie come per esempio la "Doppia Spada (Shuan Jian)" o la "Doppia Sciabola (Shuan dao)".
Per arma principale si intente l'arma preferita ma un Guerriero sapeva untilizzare molte armi e spesso ne portava con se almeno tre: una visibile al nemico (la principale), una nascosta addosso (fruste, pugnali, catene, punteruoli) ed infine una da lancio (dardi, frecce, aculei).

CARATTERISTICHE AMBIENTALI E CIRCOSTANZE
Anche l'ambiente e le circostanze in cui si svolgevano guerre e combattimenti influiva pesantemente sulla scelta delle armi. In zone dove alberi e foreste rappresentavano gran parte del territorio, era impossibile pensare di utilizzare armi lunghe facilmente incastrabili a causa dell'ingombro ma piuttosto erano privilegiate armi corte, meglio se da taglio. In zone scoscese, ricche di dislivelli, le armi lunghe invece permettevano di raggiungere gli avversari da qualunque ancolazione e magari servivano anche da appoggio a terra. Nelle zone dove vi erano molti animali velenosi, spesso si creavano armi da lancio rese letali proprio dall'utilizzo dei veleni estratti da quest'ultimi.
Nei paesi di campagna, popolati da contadini, si imparavano ad usare gli attrezzi del mestiere come armi. Questo permetteva di non farsi mai trovare indifesi duratte gli attacchi. Rastrelli, Falci, attrezzi per la battitura del grano e molto altro ancora, diventavano micidiali armi se usate con metodi marziali.

STRATEGIA MARZIALE
Con il tempo, combattimenti e guerriglie, venivano premeditati e studiati, di conseguenza anche le stesse armi venivano create per gli scopi precisi della strategia da adottare. La spada uncinata fu inventata allo scopo di atterrare i cavalli per poi colpire chi li cavalcava. Il bastone a tre sezioni, fu ideato per colpire ugualmente i guerrieri muniti di uno scudo
TIPOLOGIE DI ARMI TRADIZIONALI
Le armi tradizionali, (in cinese "Bingqi o semplicemente "Bing" che significa "Armi dei guerrieri") sono numerosissime, probabilmente incalcolabili. Nei testi spesso si per convenzione se ne elencano 18 tipologie rappresentative che rappresentano il "Shi Ba Ban Wuyi" (i diciotto tipi di tecnciche marziali) ma questo numero è esclusivamente rappresentativo e trae la sua origine da alcuni modi di dire cinesi non esclusivamente legati al contesto marziale.

Le armi tradizionali cinesi possono essere divise in tre macro categorie: armi nobili, armi d'uso comune, armi particolari:

ARMI NOBILI
Sono le armi vere e proprie, ovvero quelle create con il preciso scopo di essere usate come tali. In questa categoria troviamo soprattutto armi con parti di metallo lavorato e affilato come per esempio le spade, le sciabole, le lance, le alabarde ecc. ecc.

ATTREZZI D'USO COMUNE
Sono in realtà attrezzi che nascono per scopi diversi per esempio strumenti agricoli od oggetti per lavori artigianali che all'occorrenza potevano comunque essere un'ottima arma facilmente reperibile. Sembra che nei paesi contadini si assumessero Maestri di arti marziali per l'addestramento nell'uso di questi mezzi improvvisati. Si pensi ai classici due bastoni legati da catena che in realtà nascono per battere grano e riso ecc. ecc.

ARMI PARTICOLARI
Una via di mezzo fra le prime due categorie, sono degli oggetti opportunamente elaborati per essere resi offensivi tipo oggetti metallici appuntiti, con lame affilate, attrezzi da lancio ecc. ecc.
Di seguito diamo un elenco delle armi più note suddivise per pura convenzione didascalica in:
Armi molto lunghe, armi lunghe, armi molto corte, armi corte, armi morbide, armi da lancio, scudi, armature.

Ecco l'elenco delle armi:

ARMI LUNGHE

MOLTO LUNGHE
ITALIANO PINYIN
Bastone Affusolato a Diciotto Chi Shuo o Mao-Shuo
Lancia Lunga o Lancia Molto Lunga Mao
Bastone a dodici o tredici Chi Shu o Zhang-Er
Bastone affusolato a nove Chi Jiu-Chi

LUNGHE
ITALIANO PINYIN
Bastone lungo Gun
Lancia Qiang
Lunga Pertica Chang Bang
Sciabola dalla Lunga impugnatura Da Dao
Badile o Vanga Chan
Forcone Cha
Rastrello Ba e Tang
Lancia a Forma di L (Alabarda dalla Testa Piatta) Ge
Alabarda Guan Dao o Ji
Ascia da Battaglia dalla Lunga Impugnatura Yue
Pennello, Pennello d'Attacco, Pugno di Ottone Bi, Bi Zhua o Tong Quan
Falce dalla Lunga Impugnatura Da Lian
Artiglio dalla Lunga Impugnatura Zhua
Zappa Ba Tou
Mano di Budda Fo Shou
Uncino di Fuoco Hou Gou
Assassino che Mescola il Cielo Deng Zhang
Nodo d'Albero Chun Jie
Tan della Coda del Vento, Loto del Paradiso Tian He Feng Wei Tan
Spazzola di Lupo Lang Xian
Pertica a Lampada Deng Zhang
Tenaglie dalla Lunga Impugnatura Chang Jiao Qlan
Pertica che Invita a Tirare Qing Ren Ba
Sciabola Cielo-Terra, Sole-Luna Qian Kun Ri Yue Dao
Lancia a Doppia Punta Shuang Tou Qiang

ARMI CORTE

MOLTO CORTE
ITALIANO PINYIN
Spada Corta Duan Jian
Sciabola Corta Dan Dao
Righello di Ferro Tie Chi
Sciabola Raschiante Xiao o Di
Spada da Manica Xiou Li Jian
Tridente Corto Duan Cha
Falcetto Lian
Tridente Rastrello a Spazzola Bi Jia Cha
Flauto Xiao O Oil
Cembali Ba O Nao
Ventaglio Shan
Pugnale Bi Shou
Ascia dell'Anatra Mandarino ZI Wu,
Spada Uncinata del Cervo, Yuan Yang Yue Lu, Jiao Sciabola-Corna Ramificate di Cervo Dao
Puntale Emei Emei Chi
Anello o Ruota Quan o Lun
Sciabola Dentellata Sole Luna Ri Yue Ya Dao
Puntale di Luna Dentato Yue Ya Ci
Pettine ciel Palazzo ciel Cielo Gong Tian Shu
Pennello Bi
Forbice e Righello Jian Dao Chi
Anelli Monete e Sciabole Doppie Qian Ling Shuang Dao

CORTE SINGOLE
ITALIANO PINYIN
Spada Jian
Sciabola o Spada dalla Lama Larga Dao
Bastone Frusta Frusta Dura Bian Jian
Frusta Frusta Dura Ying Bian
Bastone di Ferro Tie Jian
Pestello Chu
Bastone corto Bang
Ascia Corta Fu
Stampella / Bastone delle Sentinelle / Sfollagente Guai
Martello Chui
Spada Lancia Jian Qiang
Artiglio di Ferro Tie Zhua
Pipa che Para il Viso Lan Mian Sou
Freccia a Doppio Uncino Shuang Gou Si
Uomo di Bronzo Tong Ren
Pinze Feroci Lie Qian

CORTE DOPPIE
ITALIANO PINYIN
Doppia Spada Shuan Jian
Sciabola Doppia Shuan Dao
Sciabola Farfalla Hu Die Dao - Die Chi
Spade Uncinate Shuan Gou
Doppia Frusta Dura Shuang Bian
Forcina per Capelli o Sai Chai
Artiglio di Gallo Tagliente Yin Yang Ji Zhua Yin Yang Rui
Bacchetta Doppia a Forca Shuang Cha Gan
Bloccare la Tigre a Croce Kua Hu Lan
Asce Doppie Shuang Fu
Mazza a Denti di Lupo Lang Ya Bang
Martello Doppio Shuang Chui
Pinze per Bloccare la Porta Lan Men Jue
Falcetto Artiglio di Gallo e Falcetto
Sciabola di Gallo Ji Zhua Lian o Ji Dao Lian
Doppie Stampelle (Bastoni delle sentinelle) Shuan Guai
Alabarda del Cavallo Ma Ji
Pennello del Giudice Jan Guan Bi
Stampella Singola Dao Dan Dao Guai

ARMI MORBIDE E / O SNODATE

ITALIANO PINYIN
Bastone a due sezioni o battitrice di grano Shao Zi - shuan jie gun
Mazza con Catena di Ferro Tie Lian Jia Bang
Bastone Snodabile a Tre Pezzi San Jie Gun
Martello Morbido Ruan Chui
Bacchetta Morbida a Frusta Gan Zi Bian
Tang a Quattro Pezzi Si Jie Tang
Frusta d"Acciaio a Sezioni Jie Bian
Tridente Rastrello a Spazzola Bi Jia Cha
Dardo con Corda Sheng Biao o Suo Biao
Martello Meteora Maglio Liu Xing Chui
Frusta con Mazza a Testa di Dragone Long Tou Gan Bang
Artiglio Fiore di Prugno ed Artiglio del Dragone Mei Zha e Long Zha
Artiglio Volante o Uncino Volante Fei Zhua e Fei Gou
Frusta Morbida di Pelle Pi Bian
Catena metallica a vari segmenti snodati Gan Bian
Spada a Catena o Pennello a Catena Lian Zi Jian o Lian Zi Qiang
Lancia a Frusta o Lancia a Catena Bian Zi Qiang o Lian Zi Qiang
Martello Stella Cometa a Doppia Punta o Mazza Volante a
Doppia Punta Shuang Tou Liu Xingg Chui o
Shuang Tou Fei Chui Doppio Artiglio Volante Shuang Fei Zhua

PROIETTILI ED ARMI DA LANCIO
ITALIANO PINYIN
Arco e Frecce Gong Jian
Arco a Fionda o Fionda Dan Gong
Balestra Nu
Balestra Schienale Bei Nu o Hua Zhuang Gong
Balestra delle Staffe Ta Nu
Dardi Volanti Fei Biao
Frecce da Lancio Shuai Shou Jian
Anello da Manica Xiu Quan
Coltello dardo Biao Dao
Monete Luo Han o Monete da Lancio Luo Han Qian o Zhi Qian
Dardo a Croce Madre Figlio Mu-Zi Shi Zi Biao
Frecce da Manica Ziu Jian
Pietre Volanti della Locusta Fei huang Shil
Uova da Manica Xiu Dan
Puntale Volante Fei Chi
Bastoncini di Ottone Tong Zhu
Anatra Mandarino di Ferro Tie Yuan Yang
Aghi Fiore di Prugno Mei Hua Zhen
Sabbia Velenosa o Sabbia della Mano Rossa Du Sha o Hong sha Shou

SCUDI ED ARMATURE

SCUDI
ITALIANO PINYIN
Scudo Laterale o di Fianco Pang Pai
Scudo Inclinato Ai Pai
Scudo a Mano Shou Pail
Scudo a Coda di Rondine Yan Wei Pail
cudo di Canna d'lndia Teng Pai
Scudo Laterale della Cavalleria Ji Bing Pang Pail

ARMATURE
ITALIANO PINYIN
Armature Kai Jia
Elmo Zhou - Xiang Dun Mou Tou -
Dou Jian
Piastra per Coprire le Spalle ed il Torace Superiore Pi Bo
Corazza del Busto Shen Jia