mercoledì 29 aprile 2015

“Guardi la montagna, ma il tuo cavallo muore”


Il problema delle opinioni tendenziose o non qualificate nelle arti marziali.

Qualche tempo fa mi è stato fatta una domanda.
Perché non scrivi sui forum?
Le ragioni sono tante, ma alla fine partono sempre da un problema di rispetto.
Credo che il rispetto sia una componente fondamentale della pratica marziale: senza il rispetto si perdono infinte occasioni di imparare.
  • Molte delle persone che scrivono sui forum hanno praticato una sola arte marziale. Alcuni nemmeno quella.
Nella migliore delle ipotesi, invece, i più esperti usano i forum per vendere i loro corsi per cui è difficile ricavarne informazioni obiettive. Questo non vuol dire che nei forum non ci siano informazioni utili ma, se ci sono, di sicuro sono sepolte in mezzo a una montagna di inutili commenti.
Io non voglio (e non credo di) far parte di nessuna di queste categorie, e non intendo mancare di rispetto a nessuno. Sicuramente in mezzo alla quantità di discussioni ci saranno spunti interessanti, ma nella maggior parte dei casi si tratta di gossip marziale, quando non ci si trovi direttamente di fronte a informazioni manipolate per tirare acqua al proprio mulino.
Questo problema fa il paio con un altro: sui forum Mike Tyson le può prendere da un ragazzino di 14 anni.
Ovviamente è un’esagerazione, ma non troppo: chiunque si sente autorizzato a dire la propria opinione anche su materie tecniche, con il solo risultato di creare molta disinformazione. E’ come se su un forum di medicina le opinioni di un medico fossero sullo stesso piano di quelle di un ragazzino di prima superiore. E magari dato che il ragazzino è più presente sul forum del medico alla fine acquisisse più prestigio solo in base al numero di post.
Internet ha dato oltre ad un sacco di libertà ed informazione molto spazio a chi nella vita, non riuscendo a costruire niente di buono, critica gli altri e fa il bullo sul web perché ha il coraggio di insultare anche persone che hanno ottenuto risultati molto al di sopra dei suoi.
  • La realtà è che spesso quando fai qualcosa di buono subito ti fai dei nemici
Personalmente non parlo male di nessuno: sul mio Blog mi limito semplicemente a dire cosa secondo me funziona e cosa no, argomentando con spiegazioni ove possibile scientifiche o raccontando la mia esperienza diretta. Non mi sono mai permesso di dire qualcosa per sentito dire. Eppure, anche se non mi riferisco mai a nessuno nello specifico, chi ha la coda di paglia si sente tirato in causa. Così, insieme ai molti apprezzamenti, mi capita di leggere anche qualche mail di chi mi insulta perché secondo lui è tutto sbagliato quello che dico o quello che mostro.
Una volta mi arrabbiavo, me la prendevo e rimanevo amareggiato.
Poi ho pensato che certe manifestazioni non meritano la mia energia (né quella di nessun altro). Quando ricevo certe mail la mia risposta standard è la seguente:
“io non ho nessun interesse a farti cambiare idea. Per cui se credi che il mondo per essere un posto migliore debba conoscere la tua opinione di disprezzo nei miei confronti, organizzati! Apri un tuo blog, scrivi libri, fai dei videocorsi anche tu e prova ad argomentare le tue tesi.”
Inutile dire che raramente c’è un seguito.
A tal proposito vorrei citare un proverbio cinese abbastanza famoso nel kung fu:
WANG SHAN PAO SI MA
“Guardi la montagna, ma il tuo cavallo muore”
Quando si vede qualcosa di grande, di già costruito, è facile valutare e criticare, ma raggiungere gli stessi risultati può risultare molto difficile!
Il detto si riferisce all’errore percettivo in cui si incorre nei grandi spazi: in lontananza una montagna sembra vicina, ma nel raggiungerla ci rendiamo conto della distanza e rischiamo di uccidere il nostro cavallo per la fatica.
Spesso abbiamo la verità in tasca: sappiamo benissimo come le cose dovrebbero o non dovrebbero andare, ma solo quando abbiamo veramente la responsabilità di “fare” ci rendiamo conto delle reali difficoltà.
Per concludere, ritengo che avere un’opinione sia un diritto sacro e inalienabile. Credo anche però che alcune opinioni siano più qualificate di altre: le arti marziali sono frutto di molti anni di studio e pratica: se queste mancano la tua opinione vale molto poco.
Se poi le tue opinioni partono dall’idea che esista una sola arte marziale, un solo maestro, una sola scuola illuminata dalla luce di dio, secondo me la tua opinione vale meno di zero.
Questo è il tipico modo di pensare dei membri delle scuole-setta, che spesso invadono gli spazi in rete per diffondere il loro verbo insultando e mancando di rispetto a chiunque non la pensi come loro.
  • Il fanatismo delle arti marziali-rivelate mi spaventa non poco.
Le arti marziali sono come una montagna che può essere scalata da vari punti, di solito chi critica gli altri è così in basso nella propria risalita da non accorgersi che anche gli altri stanno salendo ma lo stanno facendo da un altro crinale.
Non ho mai sentito un maestro di quelli che hanno dedicato una vita allo studio e che hanno raggiunto la vetta della montagna mancare di rispetto ad altri praticanti.



sabato 18 aprile 2015

Ti ricordi Karate Kid?

il kobra kai e la difesa personale


Adesso ti dirò una cosa che ti sconvolgerà.

Ti ricordi Karate Kid?
Non sto parlando della versione con il figlio di Will Smith, ma di quella vecchia, dove un ragazzino mediocre e senza particolari capacità diventa un karateka, capace di affrontare un avversario più forte di lui e riacquistare fiducia in se stesso.
Bene, a livello marziale il film faceva pietà.
Per tanti versi non aveva né capo né coda, eppure al suo interno sono presenti alcuni insegnamenti che possiamo applicare alla difesa personale e alle arti marziali in genere.
Alla fine Karate Kid racconta la crescita di un ragazzino che si fa uomo, capace di difendersi e di credere nelle proprie capacità.
E ci arriva con la pratica e la perseveranza. Ci insegna che la costanza e l’allenamento pagano, e che la motivazione è fondamentale.
Può far ridere, ma il concetto del “Dai la cera, togli la cera” è alla base dell’insegnamento marziale: si tratta di far acquisire al proprio corpo la memoria motoria di un gesto che al momento giusto verrà innescato in una situazione di pericolo.
Quel piccolo gesto, molto più di quell’assurdità della tecnica della gru, è la base di una marea di movimentazioni che aprono un mondo di possibilità.
Fin qua ti ho raccontato qualcosa che sanno bene o male tutti.



Ma c’è qualche altro insegnamento nascosto in Karate Kid.

Il maestro Myagi se lo ricordano tutti, è il nonno un po’ figo e un po’ burbero che tutti avremmo voluto.
Ma ti ricordi il maestro del Kobra Kai? Il biondo con il kimono nero, il cattivo maestro per eccellenza? Si chiamava John Kreese, ed era un borioso figlio di puttana.

Ti rivelo un segreto: John Kreese aveva ragione.

No, non sono impazzito, né mi sogno di dire che fosse un modello positivo.
John Kreese è davvero un pessimo maestro.
Eppure ad un certo punto dice una grande verità.
Nella sua scuola insegna la via del pugno:
Colpire per primo, colpire più forte, senza pietà!
Nella difesa personale la via del pugno dev’essere una specie di comandamento, e non vuole assolutamente dire che dobbiamo aggredire per primi o diventare degli attaccabrighe.
Dobbiamo pensare però che, purtroppo, quando si tratta di mettersi in salvo, di difendere la propria incolumità o quella dei propri cari, non esiste alcun ruolo educativo.
  • Colpire per primo vuol dire contrattaccare, e farlo con tutta la decisione e la forza di cui siamo capaci.
Pensare di colpire per far cambiare idea all’aggressore è una pessima idea, e il più delle volte serve solo a renderlo ancora più aggressivo.
Quando ci si difende bisogna mettere fuori uso l’avversario con decisione, quantomeno per trovare la via di fuga o mettersi al sicuro, perché non possiamo conoscere le reali intenzioni di chi ci sta attaccando.
Se avesse un coltello? Se i suoi compari fossero dietro l’angolo?
Ecco perché occorre “colpire per primo”, nel senso non di iniziare il combattimento ma di andare a segno per primi possibilmente con un contrattacco.
Infatti anche un solo colpo dell’aggressore potrebbe per noi rivelarsi fatale, specialmente se armato.
Bisogna “colpire più forte” nel senso di colpire con il massimo del nostro potenziale, dato che un colpo inconsistente è totalmente inutile.
Colpire “senza pietà” significa che non ci si può difendere cercando di portare tecniche a mezza via con l’intento di far cambiare idea all’aggressore.
Questo non significa necessariamente colpire per uccidere, bensì portare una tecnica proporzionata alla violenza di chi ci ha attaccato, con determinazione e senza esitare.
Se non puoi scappare questo è l’unico modo per metterlo fuori uso e avere così il tempo di cercare strade alternative al combattimento.
Questo vuol dire per esempio che, se vengo aggredito nelle vicinanze di un bar, mi può bastare far cadere l’avversario o colpirlo con abbastanza efficacia da darmi il tempo di fare una breve corsa e cercare riparo all’interno del bar e chiedere l’aiuto di altre persone.



Chiaramente ogni situazione va valutata in base alla sua gravità.

Esistono aggressioni più blande e altre potenzialmente letali.
  • La proporzionalità è fondamentale nell’autodifesa.
Non potete cavare gli occhi a uno solo perché vi afferrato per un braccio in un locale pubblico.
In generale l’uso dell’intelligenza per evitare lo scontro è sempre la scelta migliore.
Sun Tzu, autore de “L’Arte della guerra” e raffinatissimo tattico, diceva:
“Ottenere cento vittorie su cento battaglie non è il massimo dell’abilità: vincere il nemico senza bisogno di combattere, quello è il trionfo massimo.”
Se però non esiste nessuna via alternativa e siete aggrediti è meglio seguire la legge del pugno, perché la nostra incolumità (e quella delle persone a noi care) è l’obiettivo finale: per questo un mio amico istruttore diceva ai suoi allievi “meglio un brutto processo che un bel funerale”.
Questa frase racchiude molto di quanto ho detto, soprattutto riguardo alla proporzionalità: Se qualcuno vi attacca per uccidervi, la vostra reazione per difendervi dovrà essere adeguata ed efficace.
Forse non eviterete un processo, ma almeno sarete vivi. Allo stesso modo però, se il pericolo non è così grande, è sempre meglio evitare il brutto processo.
  • Proporzionalità e intelligenza sono elementi fondamentali di un corretto uso della forza.



Come ho già ripetuto altrove, la realtà del combattimento da strada è spesso brutale: per questo è necessario pensare alla propria capacità di difendersi in maniera seria e strutturata, attraverso un percorso formativo continuativo.
Perché, come diceva il maestro Myagi, sono la costanza e la volontà la chiave del successo.
E adesso, tutti a lucidare la macchina!





domenica 12 aprile 2015

Corso autodifesa farlocco



Scopri gli errori più comuni di chi si avvicina per la prima volta alla Difesa Personale e evita di farti truffare!

I corsi che promettono di insegnarti a difenderti sono davvero tanti: ogni città di medie dimensioni può contare su un discreto numero di scuole o palestre che offrono programmi di Difesa Personale più o meno articolati…
…ma non solo: esistono perfino corsi on-line, su dvd o su libro.
La domanda che più spesso mi viene posta è:
esistono dei criteri per capire la qualità di un corso?
La risposta è sì.
Cercherò in questo post di darti le dritte giuste perchè tu possa compiere una scelta consapevole e evitare di perdere tempo e soldi.

Qual è la cosa principale da sapere per chi si vuole iscrivere ad un corso di difesa personale?

Su internet ci sono tante informazioni e molte di queste sono fuorvianti.
È pieno di proposte di corsi che durano qualche mese, a volte un paio di giorni o addirittura anche solo poche ore, e promettono di metterti in grado di difenderti…
…ma funzioneranno?



Ora fai attenzione perché ti svelerò alcune tecniche disoneste di Marketing.

Per spiegarmi meglio ti farò un esempio con la musica invece che con le arti marziali.
Immagina di non aver mai studiato musica e di non saper suonare.
Ora, se qualcuno ti proponesse un corso per imparare a suonare il pianoforte in 4 ore…
…gli crederesti?
E se questo qualcuno ti dicesse che dopo 4 ore non solo sarai in grado di suonare da solo in pubblico ma anche di farlo in un gruppo di musicisti esperti…
…lo riterresti plausibile?
Ovviamente no!
Ecco perché come puoi ben immaginare chi vende questo genere di corsi, come nell’esempio del pianoforte, non avrebbe nessun allievo se non mentisse.
La menzogna si nasconde nel rendere la propria proposta verosimile agli occhi degli ingenui.
Quindi, per convincere le persone, chi propone questo genere di corsi di solito fa riferimento a 2 tecniche disoneste di vendita:
1- Capacità soprannaturali o semi scientifiche che non hanno niente a che fare con il corso che ti vogliono vendere:
Pillole miracolose, Ipnosi, Tecniche segrete, Pnl, Risveglio Sciamanico, Meditazioni guidate, Tecniche militari, Accesso al tuo inconscio, Istintività nascosta, ecc. Nel nostro esempio del pianoforte suonerebbe più o meno così:
Impara a suonare il pianoforte in 4 ore.
Chiunque può imparare!
Infatti, tutti noi ascoltiamo la musica fin da bambini e quindi dentro di te inconsciamente conosci già tutto. Inoltre Il tuo respiro e il battito del tuo cuore ti hanno già insegnato il ritmo, solo che tu non lo sai ancora.
Grazie alle nostra tecnica segreta di ipnosi Militare e riscoperta della tua istintività risveglieremo la tua conoscenza latente della musica e in pochissimo tempo imparerai a suonare.
Anche tu potrai imparare a suonare il pianoforte senza fatica grazie al nostro corso di 4 ore.



2– Riferimento ad abilità dell’insegnante o a testimonial che però non centrano niente con la tua capacità di imparare. Nel nostro esempio del pianoforte suonerebbe più o meno così:



Impara a suonare il pianoforte in 4 ore.
Chiunque puo’ imparare!
Il corso è tenuto dal Maestro Tal Dei Tali allievo diretto del gran maestro di pianoforte Tizio Caio.
Per chi non lo sapesse Tizio Caio ha suonato nelle più prestigiose orchestre del mondo. Si è poi specializzato nelle tecniche segrete insegnate ai bambini  in Russia e in Cina per farli diventare i più bravi pianisti del mondo e le ha collaudate con successo presso l’orchestra filarmonica di New York.
Ora anche tu potrai studiare queste tecniche segrete!
Grazie al lavoro di divulgazione di Tal Dei Tali potrai finalmente imparare a suonare il pianoforte senza fatica in appena 4 ore.
Forse stai pensando che i 2 annunci che propongono il corso di pianoforte non sono comunque credibili (anche se non escluderei categoricamente che su mille persone che leggono una cosa del genere non ce ne sia almeno una che si iscrive).
Se lo pensi hai ragione!
Sono poco credibili, ma questo è dovuto al fatto che è abbastanza risaputo che il piano è uno strumento difficile.
Sostituisci però il piano con qualcosa che la gente conosce meno come, per esempio, la difesa personale, qualche abilità finanziaria, il dimagrimento, la preparazione fisica, qualche abilità sociale o qualche conoscenza spirituale e il gioco inizia ad avere senso.
Inoltre: l’annuncio sarebbe 5 volte più potente se combinasse entrambe le tecniche MIRACOLO + AUTORITÀ/TESTIMONIAL.
Impara a suonare il pianoforte in 4 ore.
Chiunque può imparare!
Infatti, tutti noi ascoltiamo la musica fin da bambini e quindi dentro di te inconsciamente conosci già tutto: Il tuo respiro e il battito del tuo cuore ti hanno già insegnato il ritmo, solo che tu non lo sai ancora.
Grazie alle nostra tecnica segreta di ipnosi Militare e riscoperta della tua istintività risveglieremo la tua conoscenza latente della musica e in pochissimo tempo imparerai a suonare.
Il corso è tenuto dal Maestro Tal Dei Tali esperto di fama mondiale di ipnosi e allievo diretto del gran maestro di pianoforte Tizio Caio.
Per chi non lo sapesse Tizio Caio ha suonato nelle più prestigiose orchestre del mondo. Si è poi specializzato nelle tecniche segrete insegnate ai bambini  in Russia e in Cina per farli diventare i più bravi pianisti del mondo e le ha collaudate con successo presso l’orchestra filarmonica Di New York.
Ora anche tu grazie al lavoro di divulgazione di Tal Dei Tali e alle sue capacita di ipno-terpeuta potrai risvegliare le tue capacità latenti di musicista e potrai studiare le tecniche segrete dei bambini Russi e Cinesi.
Grazie a questo corso potrai finalmente imparare a suonare il pianoforte senza fatica in appena 4 ore.
Questi corsi hanno un mercato perché la maggior parte delle persone è molto pigra e invece di impegnarsi per raggiungere un risultato cerca pillole magiche, miracoli, tecniche segrete e profeti.
P.S. Consiglio spassionatamente a chi è pigro cronico e non vuole migliorare, di spendere i propri soldi in una bella vacanza, magari in uno di quei posti dove sei servito e riverito, piuttosto che lanciarli dalla finestra in corsi e pillole miracolose
Tornando alla difesa personale, ho qualche brutta notizia per chi pensa che si possa imparare come in Matrix:
  1. Imparare in pochissimo tempo è impossibile.
  2. La difesa personale è un’attività motoria completa e complessa.
  3. E’ impensabile riuscire a addestrare qualcuno, magari senza alcuna esperienza marziale o di combattimento, in poche ore.



Quindi nessuno può insegnarmi la difesa personale in un fine settimana?

La vedo davvero dura.
La cosa ha senso solo se per difesa personale intendiamo “prevenzione alla difesa personale”, ovvero l’ambito psicologico che interviene in una situazione di pericolo.
Un corso di questo tipo può darti le dritte giuste su come comportarsi in situazioni limite, cosa dire e non dire, le situazioni da evitare e le dinamiche dell’aggressione.
Rimane comunque il solito problema: non è detto che – nonostante qualcuno ti abbia detto come comportarti – nella situazione di pericolo tu sia in grado di applicare quei piccoli (e importanti!) gesti di prevenzione.
Ogni insegnamento va interiorizzato, e questo è un processo lungo, che può essere parzialmente accorciato in base alle attitudini o esperienze personali.
È ovvio che se hai la stazza di King Kong, sei un rugbista esperto o un sollevatore di pesi olimpico, magari imparando quattro tecniche te la puoi cavare.
Ma non è possibile insegnare qualcosa e farlo interiorizzare a qualcuno in tempi brevissimi, per quanto dotato sia l’allievo o l’insegnante.



Lo stress è la variabile più influente di tutte per ciò che riguarda la difesa personale.

Tornando all’esempio del pianoforte, che mi sembra molto semplice e calzante: facciamo finta che qualcuno ti abbia venduto un corso di 4 lezioni e che tu, piuttosto dotato, sia riuscito a imparare un semplice pezzo.
Ora, posto che il pianoforte non cerca di staccarvi le dita mentre suoni e nessuno ti sta minacciando o cercando di fare male, prova a pensare di mettere il tuo pianoforte in mezzo a una piazza e iniziare a suonare, sotto lo sguardo di tutti.
Pensi davvero di riuscire a non fare errori, di eseguire il pezzo alla perfezione e magari, quando il pubblico te lo chiede, improvvisare qualcosa di nuovo?
E se poi questa semplice prova ti fosse posta a distanza di qualche anno dal tuo ultimo allenamento?
La vedo dura!
Ora se parlino di difesa personale le cose vanno anche peggio perché il contesto sarà infinitamente più stressante e pericoloso dell’esempio col pianoforte:
  • potresti avere mal di testa
  • essere già stato colpito dall’aggressore, magari di sorpresa o alle spalle
  • potresti aver bevuto una birra di troppo
  • potrebbe esserci poca luce
  • potrebbe piovere
  • potresti indossare degli abiti che ti limitano nei movimenti
  • potresti semplicemente essere seduto
  • ecc..
se l’abilità non è parte di te, completamente interiorizzata, difficilmente potrà funzionare.
Non pensate mai allo scenario migliore quando ti alleni perché altrimenti rischi di essere completamente impreparato alla vita reale.

Per fare le cose bene serve tempo e pratica.

Quando le circostanze sono contro di noi, solo chi si è preparato davvero ha una vera possibilità di successo.



Ma ho letto su internet di una ragazza (o mi hanno raccontato della cugina dell’amico di un amico) che dopo un corso di 10 ore è riuscita a difendersi!

Non lo escludo categoricamente, ma è un po’ come con i “gratta e vinci”: ci sarà anche quello che vince il 1° premio, ma è molto più probabile perdere (o avere vincite irrilevanti) che diventare milionari.
Ti racconto la mia storia: diversi anni fa insegnavo nelle scuole superiori di Verona e provincia alle ragazze la difesa personale.
Ho insegnato a diverse migliaia di ragazze e nel tempo ho avuto anche la testimonianza di alcune di loro che sono riuscite a difendersi usando le poche nozioni a loro insegnate.
Ripensandoci oggi, posso dire che quelle in cui si sono trovate, erano situazioni estremamente semplici in cui le ragazze non hanno dovuto fare ricorso a nessuna specifica abilità fisica. Sinceramente ritengo che sia stata più una questione di fortuna e coincidenze dato che il problema si è presentato a pochi giorni dalla fine del corso e se la sono cavata utilizzando più che altro qualche nozione di teoria e prevenzione.
Per come la vedo io: è come se avessero vinto 50 euro al “gratta e vinci”. E’ già qualcosa, ma non è così significativo da dire alle persone di smetterla di studiare o lavorare per puntare tutto sui giochi a premi.
Dieci anni fa credevo veramente che fosse possibile insegnare la difesa personale con corsi brevi.
Oggi, invece, non lo farei più e penso sia stato solo un errore di gioventù…
…10 anni fa avevo, proprio come oggi, tantissimo entusiasmo e voglia di insegnare a quante più persone possibili la difesa personale ma non avevo ancora capito che questo non bastava.
Sai perchè ti dico questo?
Perché mi sono accorto con l’esperienza che corsi di questo tipo creano solo false certezze nella mente delle persone.
Ho visto con i miei occhi che nessuna abilità motoria rimane a lungo in chi ha frequentato corsi brevi.
Oggi, quando mi chiedono di fare degli interventi didattici, parlo solo degli aspetti preventivi e mi rifiuto categoricamente di mostrare tecniche che richiedano l’impiego del corpo a chi non è disposto ad investire almeno un centinaio di ore nello studio.
Fare diversamente crea illusioni: le persone, credendo di saper fare, cercano di mettersi in salvo provando a fare qualcosa di cui non sono all’altezza.
Come dicevo prima esiste anche la componente fortuna e molto spesso è determinante, ma nei miei corsi preferisco allenare i ragazzi e le ragazze pensando che essa non esista.



E allora come si fa?

Se parti con mezzora di ritardo per andare a un appuntamento e poi trovi qualche semaforo rosso, non lamentarti e soprattutto non dare la colpa del tuo ritardo ai semafori.
Partecipare a un corso di difesa personale perché dopodomani prevedi di trovarti in una situazione di pericolo potenziale, non è una cosa particolarmente furba.
  • Preparazione vuol dire anche gestione degli imprevisti.
Se quello a cui sei diretto è l’appuntamento con la tua vita è meglio partire prevedendo di trovare tutti i semafori rossi e casomai arrivare con qualche minuto di anticipo piuttosto che arrivare in ritardo.
Inizia a ragionare in termini di disponibilità di tempo. Assicurati di avere tempo e voglia per portare a termine un cammino pieno di soddisfazioni ma che t’impegnerà per qualche anno.
Il fatto che sia un’attività complessa e lunga non vuol dire che i progressi non si vedano: già dopo pochi mesi il fisico risponde allenamento con una migliore reattività e si gode di una maggiore sicurezza e confidenza psicologica.
In generale ritengo che per poter gestire sufficientemente (non si diventa dei boxeur eccellenti in un attimo) una situazione a mano nuda che non presenta particolari difficoltà ci voglia almeno un anno.
Se prendiamo in considerazione l’uso di calci o di tecniche più complesse, si inizia ad avere una certa efficacia dopo un paio di anni.
Per essere in grado di gestire una situazione che coinvolge l’uso di armi ci vuole moltissima esperienza e comunque non si ha mai la garanzia di uscirne incolumi.

L'importante è dare il 100%.

Non si tratta di diventare invincibili, ma di continuare a migliorare, vendere a caro prezzo la pelle e di esprimere il 100% del proprio potenziale: quando questo accade anche un’eventuale sconfitta è dignitosa.
Dimenticate i film con quei combattimenti puliti e perfetti, dove l’eroe di turno affronta mazzetti di avversari senza nemmeno essere sfiorato: in una situazione di pericolo il contatto fisico è assicurato, possiamo solo imparare a gestirlo e a minimizzarlo attraverso lo studio e la pratica.

La motivazione è importantissima!

Un buon corso di arti marziali (la difesa personale è un aspetto marziale) può dare moltissimo: nel tempo l’approccio cambia, passando dalla necessità di difendersi alla crescita personale, fisica e psicologica.
  • Un corso di arte marziale è un’attività che permette di crescere come persona.
La motivazione iniziale può essere l’obiettivo di difendersi, ma nel corso del tempo la necessità si trasforma in passione.
  • Una sana motivazione aiuta ad affrontare le difficoltà dell’allenamento:
    la paura da sola non permette di crescere.

Capita che alcuni allievi entrino in palestra perché devono esprimere la propria aggressività o dimostrare a se stessi di potersi difendere: tuttavia a rimanere sono quelli che vedono la motivazione farsi profonda e trasformarsi in passione e amore per un percorso lungo ma pieno di soddisfazioni.
Una pratica seria nelle arti marziali migliora notevolmente non solo l’aspetto del tuo fisico e la tua salute ma aumenta soprattutto la coordinazione rendendo di fatto le arti marziali, se ben allenate, l’unico sport che ti permette di migliorare contemporaneamente anche in tutti gli altri.
  • A livello motorio le arti marziali sono la cosa più complessa che puoi fare con il tuo corpo.



Non solo corpo

Un buon maestro di arti marziali o di difesa personale ti insegna uno stile di vita fatto di rispetto, disciplina e coraggio…
…e se all’inizio si tratta solo di imparare a difendersi da un malintenzionato, dopo qualche anno si inizia a vivere come un vero guerriero…
…forti nello spirito e capaci di ottenere risultati molto al di sopra della media.



“Bello quello che dici, ma sai cos’è? non credo di essere portato!”

Se pensi che sia solo una questione di talento o predisposizione ti sbagli.




Ok, allora cosa ci dovrebbe essere in un corso serio?

Le 7 cose minime che devono essere presenti in un corso di Difesa Personale serio.

Ci sono alcuni elementi che sono fondamentali e che non possono essere tralasciati: nel caso questi mancassero probabilmente ti trovi nel posto sbagliato, e in qualche modo potresti essere caduto in una delle tipiche “trappole” presenti tra i corsi di Difesa Personale.

No emotività
Colpitori
Libertà progressiva
Preparazione fisica
Capacità di attaccare
Combattimento
Didattica



  1. Non ci deve essere assolutamente un eccesso di emotività: il corso non dev’essere tenuto in piedi dalla paura né dall’autoesaltazione. Deve esserci una didattica strutturata e con obiettivi chiari. Il grosso della motivazione per frequentare il corso la devi portare tu da casa e non essere frutto né di terrorismo né di comportamenti volti all’autoesaltazione dell’allievo da parte dell’insegante.
  2. Ci dev’essere una componente di simulazione con i colpitori. Devi colpire qualcosa, le tecniche portate all’aria non sono sufficienti. Bisogna condizionare il corpo all’impatto nella maniera giusta, capire cosa vuol dire portare e ricevere un colpo.
  3. Devono esistere degli elementi di libertà progressiva. La libertà assoluta è solo caos, ma la rigidità preordinata è altrettanto dannosa. Un elemento di libertà vincolato, come portare il colpo con la mano destra o sinistra, aiuta a condizionarti nella gestione delle variabili.
    Aggiungere troppe variabili subito, allo stesso tempo, porta solo all’approssimazione.
  4. La preparazione fisica è fondamentale. Un corpo non allenato non sarà in grado di difendersi – non credere a chi ti dice che è possibile farlo indipendentemente dalla fisicità. Non ci si può difendere senza usare il corpo, e questo deve poter funzionare bene. Questo non vuol dire fanatismo da fitness, ma nemmeno totale mancanza di preparazione.
  5. Chi studia come difendersi DEVE imparare ad aggredire. Non vuol dire diventare degli attaccabrighe, ma è fondamentale che tu sappia come attaccare e non aver paura di colpire e di proiettare la tua aggressività. Se quando ti alleni con un compagno e lui deve simulare la parte dell’aggressore, lo fa attaccandoti con poca convinzione, necessariamente imparerai a difenderti male. In poche parole: se lui fa schifo ad attaccare, tu fai schifo a difenderti. Inoltre,
    il concetto di DIFESA è strettamente collegato al concetto di ATTACCO.Quando siamo nella necessità di difenderci vuol dire che qualcuno ci ha già attaccato: contrattaccare può essere la chiave che apre la via di fuga. Il contrattacco è il modo con cui la vittima aggredisce l’aggressore.Laddove non si può scappare l’unico modo per salvarsi è necessariamente legato alla nostra abilità di colpire l’aggressore.
  6. Deve esserci il combattimento libero, possibilmente senza esagerare nelle protezioni, per condizionare il corpo, comprendere quali sono i propri limiti ed eventualmente estenderli.

        Ricorda:

    Imparare a gestire il dolore e le sensazioni fisiche sgradevoli è di fondamentale importanza.
    Il combattimento da strada in realtà differisce in parte dal combattimento sportivo un po’ come sciare in pista differisce dallo sciare in neve fresca ma per imparare a sciare in neve fresca come minimo prima devi saper andare in pista. Ti faccio un altro esempio: Immagina che esista un corso di nuoto per imparare a sopravvivere a un naufragio. Lo scopo del corso è preparare le persone nel caso in cui la barca su cui viaggiano affondi e per qualche ragione non sia possibile usare i salvagente o le scialuppe di salvataggio.
    Ora immagina che l’istruttore, dato che il mare è molto lontano da dove si tiene il corso, cerchi di insegnarti a nuotare facendoti appoggiare la pancia sulla sedia e facendoti simulare i movimenti che devi fare per nuotare.
    Al massimo per dare un pizzico di realismo ti bagna un po’ con la canna dell’acqua. Se tu sapessi che lì vicino c’è una piscina, credo che come minimo gli chiederesti:
    “perché non proviamo almeno in piscina invece di appoggiare la pancia sulla sedia?” …
    …e se l’istruttore ti rispondesse:
    “Nuotare in mare è diverso da nuotare in piscina. Basta simulare i movimenti sulla sedia, il resto lo imparerai se e quando la nave affonderà! ”Non so tu cosa faresti se ricevessi una risposta del genere ma io penso che scapperei a gambe levate. E’ normale avere un po’ di paura del combattimento ma un buon insegnante fa in modo che l’esperienza sia progressiva e non traumatica. Un po’ come per il nuoto: all’inizio è meglio partire da dove si tocca o con qualche aiuto come i braccioli, ma se voglio imparare a nuotare davvero non posso farlo senza entrare almeno in una piscina. Se devo pensare ad una ragione per cui esistano corsi di difesa personale senza combattimento, in confidenza, le uniche 3 cose che mi vengono in mente sono:
    1. Insegnati ingenui, troppo inesperti o troppo fiduciosi nelle loro capacità da dimenticarsi di cosa potrà fare davvero l’allievo nel momento del bisogno.
    2. Insegnanti incompetenti che vendono corsi per imparare a difendersi in una settimana perché loro sono diventati istruttori in una settimana.
    3. Insegnanti poco onesti che si approfittano delle paure della gente per vendergli cose inutili… come un corso per nuotare appoggiati sulla sedia a chi ha paura dell’acqua.
  7. La presenza di preparazione teorica: è un aspetto che non va trascurato e che è complementare (non sostitutivo!) all’aspetto fisico. Anche gli aspetti come postura, voce, linguaggio del corpo, vanno allenati e praticati. È compito del maestro accorgersi degli errori dell’allievo e correggerlo.




È possibile insegnare la difesa personale ai bambini?

Per come la vedo io un corso di Difesa Personale rivolto ai bambini è una pazzia.
A un bambino sarebbe meglio far intraprendere un percorso marziale tradizionale come il Kung Fu, il Judo, il Karate, il Viet Vo Dao o il Taekwondo.
L’unico caso in cui si potrebbe parlare di Difesa Personale a un bambino è la lezione individuale di fronte a casi particolari come vittime di bullismo.
Le arti marziali fanno molto bene ai bambini: possiedono grandi capacità di sviluppare la motricità e il carattere. Un bambino è facilmente influenzabile, e un corso di difesa personale è forse troppo pesante (sia in termini di stress che di emotività).



Posso imparare a difendermi anche se sono un disabile o possiedo delle menomazioni fisiche?

Le disabilità forti sono situazioni molto limite che, al pari dei bambini, vanno trattate caso per caso.
Se qualcuno volesse imparare è possibile difendersi anche in sedia a rotelle (io stesso ci sono finito due volte e insegnavo comunque), ma ogni disabilità è una situazione a sé stante.
L’unica possibilità in questo caso è fornita da lezioni individuali e soprattutto legata a una grande capacità umana e tecnica da parte dell’insegnante, che dev’essere in grado di immedesimarsi nella disabilità altrui.



Cosa ne pensi di corsi on-line, dvd e libri?

E’ difficile dare una regola generale, la maggior parte sono vere e proprie truffe, alcuni invece sono fatti molto bene e possono dare degli spunti di riflessione.



E’ possibile imparare da soli usando magari i libri o dvd migliori?




“Chi impara solo da se stesso, ha un folle come maestro”
Ben Jonson
Escludo che chiunque non abbia già una solida preparazione marziale o non abbia almeno una decina di compagni con cui allenarsi continuativamente per qualche anno ne possa trarre un qualche vantaggio.
Al di fuori dell’aspetto preventivo (che comunque come già detto va allenato) la difesa personale è un’abilità motoria che va praticata per centinaia di ore con altre persone.
  • Da soli è impossibile!
  • Un solo compagno è troppo poco!
    Imparerete a conoscervi presto e l’allenamento sarà falsato da questa variabile e inoltre non potrete sperimentare il combattimento contro più avversari. Considerate poi, che allenarsi solo con compagni che hanno il vostro stesso livello di abilità, non vi permetterà di sperimentare lo stress tipico di una situazione reale e nessuno di loro sarà davvero in grado di correggere i vostri errori.



Che cos’è il condizionamento? C’è anche nella difesa personale?

Ritornando al paragone con la musica: se vuoi fare il chitarrista ad un certo livello devi avere un ispessimento della pelle sui polpastrelli, e questi “calli” arrivano con la pratica continuando a premere le corde.
Per le arti marziali è la stessa cosa: non si tratta di abbattere a tibiate i banani per rinforzare le gambe o farsi venire i calli sulle nocche, ma la pratica e il contatto fisico servono anche per prendere confidenza con tutto ciò che succede quando il corpo è sottoposto allo stress di una situazione di pericolo.
  • Il condizionamento è importantissimo in qualsiasi corso di arti marziali.
Riuscire a gestire il respiro per un maratoneta è condizionamento fisico: allo stesso modo un marzialista deve essere in grado di tirare pugni, calci e altre percussioni ai colpitori o al sacco per un’ora o più.
Molti ragazzi alle primissime armi si sbucciano le nocche dopo pochi minuti di allenamento ai colpitori. Gli stessi ragazzi alla fine dell’anno sono in grado di colpire per più di un’ora senza essere nemmeno arrossati.
  • Non si tratta di essere supereroi, ma di abituare il proprio fisico allo sforzo senza rovinarlo o romperlo.



!!!Attento al marketing di bassa lega!!!

Un ultimo consiglio: piuttosto di fare un corso di difesa personale non strutturato (programma complessivo di studio inferiore ai 5 anni) o che è solo una raccolta semplificata di tecniche provenienti da qualche tradizionale o il cui unico punto di forza è essere di pseudo derivazione militare, scegli tra tradizionale e sport da combattimento: avrai almeno la garanzia di una didattica collaudata.
L’apprendimento deve essere ben strutturato e proporzionato alle reali possibilità di un normale cittadino.
  • Se un corso è serio, ci deve essere una didattica.
Dire che “conoscere tecniche di derivazione militare è il modo migliore per difendersi” è solo marketing: i militari girano sempre armati e le guerre non si vincono certo a mano nuda.
La difesa personale disarmata sta a un normale militare come l’informatica ad un calzolaio!
Ci sono tanti militari capaci di difendersi anche a mano nuda ma nel 99% dei casi è perché hanno passione per le arti marziali e hanno studiato autonomamente, non perché sia un’abilità specifica dovuta al loro grado.
Certo ci sono poi i militari d’élite, come per esempio i corpi scelti, che combattono anche a mano nuda e saprebbero gestire uno scontro anche contro gente armata, ma guardatevi qualche documentario per vedere come si addestrano.
Quella è una professionalità specifica e non qualcosa che può essere insegnato in un corso amatoriale.
Questo non vuol dire che in un corso di difesa personale non ci possano essere tecniche che usano anche i militari, ma vuol dire che la discriminante è la didattica e la qualità del corso in generale.
Una tecnica non è buona perché è stata scoperta da un Maestro famoso o perché usata da un militare:
  • una tecnica è buona perché risolve un problema specifico e a parità di altre può essere parametrizzata con risultati migliori rispetto a modo, tempo e misura.
Questo vuol dire nel concreto che per esempio richiede meno forza per essere fatta rispetto a un’altra, è più veloce, richiede meno spostamenti ecc.
Le tecniche non sono buone in assoluto ma sempre in termini comparativi rispetto ad altre opzioni.
E’ solo un problema di fisica, non c’è niente di esoterico o autoreferenziale.



Per finire

Non confondere l’abilità del maestro con la tua: il fatto che lui sia molto bravo è solo il punto di partenza, ciò che conta davvero è quanto può far diventare bravo te.
Le sue qualità umane e di formatore sono il punto chiave.
Ricorda sempre: la difesa personale non è diversa dal resto delle abilità che hai già acquisito.
Ci sono delle regole che valgono sempre quando vuoi imparare qualcosa:
  1. Più serio e strutturato è l’apprendimento e prima raggiungerai dei veri risultati.
  2. Più l’ambiente è adatto allo studio e più semplice sarà studiare.
  3. Più chi ti insegna ti sa aiutare, capire e motivare correttamente e più sarà semplice imparare.
  4. Più ore dedichi allo studio e alla pratica e prima arrivano i risultati.



domenica 5 aprile 2015

Comportati sempre come una Tigre

matrix-01


Hai presente il film Matrix?

Se ti parlo di Matrix e di arti marziali, forse a te viene in mente la scena in cui l’attore Keanu Reeves impara a combattere collegando il suo cervello al computer e la famosa frase “conosco il Kung Fu!”
Ma non è di quella scena che ti voglio parlare.
La scena che ho in mente è un’altra …
E’ quella in cui il protagonista si sta recando per la prima volta dall’oracolo.
L’eletto poco prima di parlare per la prima volta con l’oracolo incontra un bambino che piega un cucchiaio senza manipolarlo.
Sembra che il cucchiaio venga piegato dal bambino con la forza della mente.
Neo (il protagonista) si avvicina incuriosito per osservare da vicino e per capire meglio come abbia fatto il bambino a fare ciò.
A quel punto il bambino dice:
“Non cercare di piegare il cucchiaio.
E’ impossibile.
Cerca invece di fare l’unica cosa saggia:
giungere alla verità…”
al che Neo chiede:
“la verità?”
e il bambino risponde:
“…che il cucchiaio non esiste!”
Sai perché te ne parlo?
La ragione è semplice:

Oggi il protagonista di Matrix sei tu…

…infatti se sei in cerca della verità allora, tu sei l’eletto, io sono quel bambino e l’oracolo è nell’altra stanza che ti aspetta.
Ti stai incamminando per parlare con l’oracolo, all’improvviso mi noti in un angolo della stanza.
Io alzo lo sguardo, e fissandoti dritto negli occhi e ti dico:
“Non cercare di difenderti.
E’ impossibile.
Cerca invece di fare l’unica cosa saggia:
giungere alla verità…
…che la difesa personale non esiste!”
…e ora, piegherò la difesa personale come il cucchiaino di Matrix per te.
Scherzi a parte c’è una piccola premessa che voglio farti:
Può essere che tu sia destinato a diventare un marzialista infinitamente migliore di me e che un giorno non lontano sia io a imparare da te…
…ma se oggi mi leggi (e magari lo fai con regolarità) è molto probabile che io abbia più esperienza di te.
Come esperto in questo campo vorrei metterti in guardia e prepararti a tutti i potenziali trabocchetti che potresti trovare sul tuo cammino.
In Matrix, il bambino ha un ruolo quasi irrilevante nella storia, ma le sue parole aiutano il protagonista ad accettare un nuovo punto di vista.
Il bambino (che nell’esempio sono io) in quel momento è più consapevole ed esperto di Neo (che sei tu) e può quindi dire qualcosa di illuminante anche per colui che di lì a poco è destinato a diventare infinitamente più potente di lui.
Il bambino come ti dicevo, non è né invincibile né più forte in assoluto di Neo, ma in quel momento ha più esperienza su quello specifico argomento.
Ti sei mai chiesto come si fa a diventare esperti in qualcosa?
Ci sono tante definizioni in merito ma quella che preferisco è questa:
Un esperto è colui che ha sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare in uno specifico settore.
O se preferisci vedila così:
quando in uno specifico campo hai provato tutte le strade, allora sai qual è la migliore e quale invece conduce ad un vicolo cieco.
Personalmente credo che l’aiuto di persone esperte sia importantissimo nella vita per evitare di sprecare tempo e denaro.
Detto questo, come sempre vedi tu cosa fare:
ricorda solo che ti do questi consigli non perché ritengo di essere migliore di te ma perché di lì ci sono già passato.
Quindi, sei libero di non ascoltarmi e puoi provare a percorrere la strada che vuoi.
La vita è tua e a me non viene in tasca niente se tu mi ascolti.
Ok, scusa, forse ho divagato troppo.
adesso basta parlare di questo e torniamo sul pezzo.
Dicevamo:

Difendersi è impossibile…
…perché la difesa personale non esiste.

Quello che credi è importantissimo e in buona parte determinerà il successo delle tue azioni.
Esistono tonnellate di libri che trattano dell’importanza di ciò in cui credi e non voglio addentrarmi troppo ora in quest’argomento ma considera semplicemente questo esempio.
Se sei convinto che qualcosa si trovi in una stanza passerai ore a cercarla.
A volte si tratta solo di cercare meglio mentre altre volte occorre capire che semplicemente quella cosa non è lì, indipendentemente da quello che credi e da quante ore passerai a cercarla.
Se tu cerchi di salvarti la vita usando una tecnica difensiva stai cercando qualcosa che in quella stanza non esiste.
Hai una credenza errata che ti sta limitando e ti porta a cercare risposte nella stanza sbagliata!
Rischi di passare la vita a studiare tecniche inutili e nel momento del bisogno non avrai ciò che ti serve davvero.
  • Solo nei film e nella fantasia di qualche pseudo-maestro si può vincere uno scontro reale solo difendendosi.
Per diventare l’eletto devi fare spazio dentro di te alla nuova idea…
La difesa personale non esiste!
Forse questa cosa ti sembra controintuitiva, ma seguimi e ti mostrerò perché quello che ti dico funziona anche se tutti ti dicono il contrario.
Cercherò di usare un po’ di esempi per essere più chiaro.
Pensa al basket o al calcio:
Solo chi tira a canestro o in porta può sperare di fare punto.
Nessuno può vincere una partita solo difendendo (al massimo puoi pareggiare).
In un combattimento reale solo chi attacca può sperare di sconfiggere l’avversario.
Per dirla con altre parole chi attacca è come se corresse in avanti e chi si difende è come se corresse all’indietro…
In una gara di corsa come per esempio i 100 metri nessun atleta si sognerebbe mai di provare a correre all’indietro.
Sarebbe impossibile vincere a meno di un divario di forza e abilità mostruoso tra chi corre all’indietro e chi corre in avanti.
La capacità offensiva è quindi l’abilità più importante.
Per salvarti la pelle devi saper attaccare bene e lo devi fare fino a che non hai neutralizzato il pericolo.



P.S.
Non devi necessariamente uccidere i cattivi, a volte è sufficiente colpire l’avversario quel tanto che basta per aprire una via di fuga.
Comunque sia, se non puoi scappare, le capacità offensive sono fondamentali.
Vuoi la prova?
La maggior parte dei picchiatori da strada è semplicemente molto aggressiva, non cerca di parare ma attacca in modo furioso e indemoniato.
Queste persone hanno sempre la meglio su chi cerca solo di parare e difendersi.
Questo è quello che succede anche negli episodi di bullismo. Chi attacca di più ha la meglio e solo quando la vittima si ribella e colpisce l’aguzzino le cose iniziano a cambiare (comunque questo non è un articolo sul bullismo e mi rendo conto che questa è un iper semplificazione di situazioni molto più complessa).
Tornando a noi:
Questo non vuol dire che devi attaccare necessariamente per primo.
Avresti sicuramente più possibilità di vincere ma passeresti dalla parte del torto.
Quello che voglio dire è che non devi fare troppo affidamento sulle tecniche difensive e devi iniziare dopo che l’avversario ti ha attaccato ad attaccarlo anche tu.
Non aspettarti che le tue difese funzionino al 100% ma da dove sei inizia a correre in avanti…
…inizia a tirare a canestro o in porta perché solo così avrai qualche possibilità di vincere.
Come ho già detto altre volte il combattimento non è una partita in cui c’è una palla sola e non devi per forza partire in contropiede solo dopo averla rubata all’avversario.
Puoi prendere un’altra palla e iniziare a tirare.
Nel combattimento é come se ci fossero in campo 50 palle contemporaneamente e chi attacca di più ha molte più speranze di vincere di chi cerca semplicemente di difendersi.
E ricorda anche che solo perché hai iniziato un’azione in contro piede (hai colpito, schivato o parato l’avversario) non vuol dire necessariamente che questo smetterà di attaccarti.
Devi insistere finché non hai raggiunto il tuo obiettivo.
Vedila così che forse è più chiara:
Se sei un arciere, è molto più importante che tu sappia piantare una freccia in testa al tuo nemico più velocemente e più efficacemente di lui, piuttosto che tu sappia schivarne una.
Lo so, fa più figo, l’idea di schivare una freccia…
…ma delle due abilità solo la prima ti permette di sconfiggere il nemico.
Poi man mano che diventi un esperto, puoi iniziare a studiare come schivare le frecce, ma se vuoi andare in guerra con arco e frecce impara prima a tirare.



Più sei offensivo e più sei efficace.

Questo è anche il motivo per cui, per esempio, il pepper-spray è così utile nella difesa personale…
…non perché ti permette di parare meglio i colpi dell’avversario ma perché ti permette di essere offensivo in modo estremamente risoluto.
Idem dicasi per bastoni, pistole, coltelli ecc.
Sono efficaci perché ti rendono più offensivo e non perché ti permettono di difenderti meglio.



Ma allora non ci si può difendere in modo pacifico?

Sì, si può, ma le uniche strategie difensive che puoi usare sono quelle che servono a prevenire il combattimento.
Quando l’azione è comincia, devi essere risoluto e attaccare.
Capiamoci bene, questo non significa che non devi parare i colpi o che non devi schivarli, ma significa che devi usare ogni momento possibile per attaccare e non per startene solo sulla difensiva.
La difesa personale non esiste quando lo scontro è cominciato perché non si tratta più di difendere se stessi ma di neutralizzare l’avversario.
Come in Matrix tu vedi il cucchiaio, cioè la persone che si salva da un aggressione e credi di aver visto il cucchiaio che si piega, cioè la difesa personale…
…ma la realtà è che chi ha sconfitto l’avversario, lo ha fatto attaccando in modo risoluto ed efficace.
Non si è difeso ma ha attaccato.
Poco importa se di prima intenzione, dopo essere stato colpito o dopo una parata.
Quindi se sei un principiante o hai solo pochi anni di esperienza, passa più tempo a sviluppare la tua motricità offensiva che non a studiare parate e schivate.
Per ogni schivata o parata che alleni, studia almeno tre tecniche d’attacco
(Es: se in allenamento simuli la parata di un pugno, poi rispondi con almeno tre colpi in contrattacco).
…e ricorda:
Non avere mai un atteggiamento passivo o remissivo in uno scontro fisico ma comportati sempre come una Tigre.